alimentazione-pranica-banner-2022-001.jpegindia-himalaya.jpeg
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
preparazione-processo-alimentazione-pranica-2022.jpeg
"Il Maligno nella Sua Miseria Infinita Metterà a Soqquadro Questa Umanità!""Avanti Senza Paura!""Figli, Pregate per i Miei Figli Ucraini, i Quali Sono Stati Buttati in Due Fosse Ancora Vivi.""Non Tiratevi Indietro. Il Silenzio dei Giusti Fortifica i Nemici di Dio.""Come a Fatima Richiamo Ancora Questa Umanità alla Conversione!""Sto Arrivando a Prendervi, Figli Miei!""Ecco, il Tempo Giunge alla Congiunzione!""Figli, Guardate il Cielo, lì Vedrete i Segni dei Tempi.""Camminate per un Futuro di Grandi Sofferenze.""Questo tempo è di trasformazione, … metterò il mio popolo in una Terra nuova!""Perchè o Uomo ti Ostini a Starmi Lontano? Perchè Vuoi Sfidare il Tuo Dio?"Camminate per un Tempo Doloroso!""Permettetemi di Aiutarvi nei Momenti Tenebrosi che Arriveranno!""L'Apostasia è Grande! Grido a Voi che siete nella Città dei Sette Colli!""Dio ha scelto i suoi Figli, li ha investiti di Sé per una missione speciale, ultima e finale.""E' Giunta l'Ora Figli Miei! E' Giunta l'Ora! Il Miracolo è per Succedere! Il Mondo Vedrà la mia Grandezza!""Preparatevi al sollevamento. Nella mia Casa tutto è pronto per ricevere i miei eletti.""I 72 Nomi di Dio.""Introduzione ai 72 Nomi di Dio.""Quando Pioverà il Fuoco dal Cielo e il Cielo si Tingerà di Rosso."
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 

"I 72 Nomi di Dio."

29/04/2022 14:01

Mauro Pellerino

Eremo-Italia,

"I 72 Nomi di Dio."

Il libro dell’Esodo in ebraico si chiama: Shemot, “Nomi”. Dunque esiste un intero libro nella Torà di Mosè dedicato ai segreti dei Nomi.

72 è il valore numerico della parola Chesed, Amore o Grazia, e l’apertura del Mar Rosso è stato uno dei più grandi gesti d’amore che Dio ha compiuto per il Suo popolo. L’aprirsi delle acque del Mar Rosso è il simbolo della nascita d’Israele, del popolo che di lì a poco dopo avrebbe ricevuto la Torah sul Sinai. Da quei tre versetti i Cabalisti hanno derivato 72 Nomi Santi di Dio, ognuno dei quali è formato da tre lettere, una per verso. Non si tratta di Nomi che vengono riconosciuti come tali dall’esegesi biblica tradizionale, bensì di Nomi d’origine strettamente Qabalistica. La loro fonte è nello Zohar (il Libro dello Splendore), come anche nel Sefer Ha Bahir. Lo Zohar dice che questi tre versi contengono un grande segreto. Da queste 216 lettere (3 volte 72) nascono settantadue Nomi superni. Chesed, Amore (72) Ghevura Forza (216). In breve secondo lo Zohar, fu grazie al potere combinato di questi 72 Nomi che Mosè riuscì ad aprire il Mar Rosso. Il processo di costruzione dei Nomi è il seguente: si prende la prima lettera del primo verso, l’ultima del secondo e la prima del terzo, e si forma il primo Nome. Poi si prende la seconda lettere del primo, la penultima del secondo e la seconda lettera del terzo verso, forma do il secondo Nome, proseguendo in modo simile per tutti gli al tri Nomi. Pur non essendo vere e proprie parole nella lingua ebraica, questi Nomi hanno trovato ampio spazio nella dottrina mistica dell’Ebraismo. Ognuno di questi Nomi possiede diversi effetti, pratici, spirituali o terapeutici trattati in un ramo molto speciale della Qabbalah quello, pratico ed operativo. Occorre però puntualizzare e tener sempre ben presente che non si può pro nunciare i Nomi senza validi motivi. Dobbiamo dunque sempre interrogarci sulla validità delle nostre intenzioni. Le cose vane so no quelle di “questo mondo”, occorre essere certi che i nostri scopi, siano altruistici, oppure siano rivolti ad ottenere una maggiore elevazione della nostra consapevolezza, senza vantaggi materiali o semplici gratificazioni. Se non ci fosse tale purezza d’intenzioni, l’effetto risultante sarebbe l’opposto di quello ricercato. Inoltre, ci dobbiamo ricordare che non siamo noi a pronunciare il Nome, ma è Dio stesso che ci suggerirà il proprio Nome: “Farò sì che il Mio Nome venga pronunciato” (Es. 20, 21) così da innalzarci a Lui: “Lo innalzerò poichè ha conosciuto il Mio Nome” (Sal. 91, 14) e questo a conferma che il traguardo più importante della conoscenza dei Nomi è l’elevazione spirituale ottenuta tramite la loro pronuncia e la loro meditazione. Il libro dell’Esodo in ebraico si chiama: Shemot, “Nomi”. Dunque esiste un intero libro nella Torà di Mosè dedicato ai segreti dei Nomi. Infatti, i 72 Nomi provengono proprio dall’Esodo.

processo-alimentazione-pranica-2022.jpeg
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
radiovisione1111.jpeg

© Eremo-Italia dal 1986

 

Home

Iscrizioni

Contattaci

Daily Practices

Canalizzazione della Domenica

Contemplazione del Giovedì

 

SOSTIENICI


youtube
facebook
spotify
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder